POESIE - LIGURIA
Gusse d’amû

Dialetto: Liguria

Gusse d’amû
Se sgrona da-e brasse de ovive
fêuggette che-i cazze in tu fêugu
da tâera che triste a se scciappa.

Fanfora de mille çigoe
che drentu de sciame du sô
se spanze e-a cunfunde u paesaggiu.

U mêue fï a fï l’erbetta,
a vitta se sciuga du mundu
zà pin de frescùa e speranse.

Ma drentu l’arsùa infinïa
u ciêuve impruvvisu da u çê
in sòn de campone che inseme
i crïa che-u l’è mezzugiurnu.

In po’ de ripòsu e de suppa,
da amiga chà gusse d’amû.



Traduzione in italiano

Gocce d'amore
Si sgranano (=sgrona) dai tronchi (=brasse) degli olivi (=ovive)
foglioline che cadono (=cazze) nel fuoco (=fêugo)
della terra (=tâera) triste che si spacca (=scciappa).

Fanfara (=fanfora) di mille cicale (=çigoe)
che dentro le fiamme (=sciame) del sole
si spande e confonde (cunfunde) il paesaggio.

Muore filo per filo l’erbetta
la vita si asciuga (=sciuga) del mondo
prima pieno di frescura e speranze.

Ma dentro l’arsura (=arsùa) infinita (=infïnïa)
piove (=ciêuve) improvvisamente dal cielo
un suono di campane- che insieme
gridano (=crïa) che è mezzogiorno.

Un po’ di riposo e di cibo (=suppa),
dalla amica (=amiga) casa (=chà) gocce (=gusse) di amore.

Scritta il 14 ed il 15 luglio 1953


Racconto inviato da: Luigi Panero da Leua