POESIE - LIGURIA
I zoccoletti de mâe figgiu

Dialetto: Liguria

I zoccoletti de mâe figgiu
Zoccoletti: sutta legnu,
survia pessa, e pocu chêuju.
I àn difèsu i pë piccin
de mâe figgiu, i sun tant’äni...
Che invernadda lunga e triste
sciù da tâera l’ëa ciungiò!
Neve a-i munti e l’âegua in zù,
e scumporse erbe e sciue.
Pe-a campagna che giassò
nu daxeva mancu in cantu.
Zoccoletti fâeti in pessa
Pocu cheuju e seûa in legnu,
piccin pë, drentu serrâe,
de mâe figgiu i-ëi purton.
Ve sentivu batte a stradda
quande a schêua l’ëa fïnia,
quande lè, cume na freccia,
u turnöva in po’ zeòn.
Fêugu accesu se pruntòva
perchè bèn se ghe scädasse.
Aûa ciù, vui zoccoletti,
nu sunâe pe-a stradda freida,
u figgiêu l’è andâetu via,
p’ötre freide stradde u và,
e-u l’à pë che-i batte forte,
e-i fan passi p’arrivò….
Ma mì êurâe, o zoccoletti,
che in vui drentu sempre i stesse
i sò pë gianchi e piccin!



Traduzione in italiano

Gli zoccoleti di mio figlio
Zoccoletti: sotto di legno
sopra di stoffa (=pessa) ed un po’ di cuoio (=chêuju).
Hanno protetto i piedi piccoli
di mio figlio, or son passati tanti anni...
Che inverno lungo e triste
sulla terra era caduto (=ciungiò)!
Neve ai monti e l’acqua in pianura
e scomparse l’erbe ed i fiori.
e per la campagna quanto ghiaccio (=giassò)
non si sentiva alcun canto.
Zoccoletti fatti di pezza
poco cuoio e suola (=seûa) in legno,
i piccoli piedi dentro serrati- di mio figlio
avete portati- Vi sentivo battere la strada
quando la scuola era finita,
quando lui, come una freccia, tornava, un po’ gelato.
Fuoco acceso si approntava (=pruntava)
perchè bene si scaldasse (=scadàsse).
Ora più, voi zoccoletti,
suonate sulla strada fredda (=freida),
il fanciullo è andato via,
per altre fredde strade cammina (=và)
e ha piedi (=pë) che battono forte
e fanno passi per arrivare...
Ma io vorrei, o zoccoletti,
che in voi sempre dentro stessero (=stesse)
i suoi piedi bianchi e piccini!.

Racconto inviato da: Luigi Panero di Loano