POESIE - LIGURIA
In sciusciettu de zuentù

Dialetto: Liguria

In sciusciettu de zuentù
Se rampina sciù de miagge
di riannetti pin de spine
e di tanti schêuggi e scagge,
serpentina a viorba gianca.

Neve duçe da gran stâe
comparisce tutti i âni,
lè a poexia di mâe riaè
lè in diluviu de stelette.

Sempre a trêuva mì ciù stancu
cun sciù i stecchi da mâe vitta
menu in po de quellu giancu
de sciuettine che a ghaxevu.

Mïga triste se cusccì:
giusto lè se fasse nêutte,
che veggettu a vegne mì
e che-a perde ciume e fêugge...

Però, digghu, generusu
cun nui Diu nu lè stâetu,
veste u rian cume in spusu
a-u riturnu dogni stâe,

lomu invece u spêuggia e-u cegha
quande u riva u freidu invernu,
e pè sempre, poi, ghe negha
in sciusciettu de zuentù!



Traduzione in italiano

Un soffio di gioventù
Si arrampica (=rampina) sui muru
dei torrenti pieni di spine
e di tanti scogli e scheggie (=scagge)
la serpentina vitalba bianca(=vitorba).

Neve delicata della piena estate
riappare tutti gli anni
è la poesia dei miei torrenti
è un diluvio di piccole stelle.

Sempre trova me sempre più stanco
con sugli steli della mia vita
sempre meno di quel bianco
di fiori che avevo.

Mica è triste sia così.
giusto è che si faccia notte
che vecchietto io diventi
e che perda piume e foglie...

Però, dico, generoso
con noi Dio non è stato,
veste i torrenti come uno sposo
al ritorno di ogni estate,

luomo, invece, spoglia e incurva (=cegha)
quando arriva il freddo inverno,
e per sempre, poi, gli nega
un piccolo refolo (=sciusciettu) di gioventù!

Scritta a fine del 1951 e rivista tra il 9 ed il 10 di novembre 1952


Racconto inviato da: Luigi Panero da Loano