POESIE - LAZIO
Si vôi scrive ‘n sonetto, amico caro

Dialetto: Lazio

Si vôi scrive ‘n sonetto, amico caro
Si vôi scrive ‘n sonetto, amico caro
hai da fà ben’ er conto ad ogni verso
hai da mischiare Gròlia e Verbucàro cor gioco de le sillabe perverso.

Li primi otto, con un conto paro,
hanno da fa’ la rima in modo terso
hanno da fatte luce com’ a ‘n faro:
sbajianno manni tutto de traverso.

Rèsteno l’antri sei da legà pure
co’ rime nôve bene ‘ntorcinàte:
e la chiusura vo’ maggiori cure

pe’ fà de due terzine disperate
le perle der sonetto, le più dure,
badànno de nun scrivere stronzate.


Traduzione in italiano

Se vuoi scrivere un sonetto, amico caro
Se vuoi scrivere un sonetto, amico caro
devi far bene il conto ad ogni verso
devi mischiare il Gloria e il Verbum Caro
Col gioco delle sillabe perverso

I primi otto, con un conto pari
devono fare rima in modo terso
devono farti luce come un faro:
sbagliando mandi tutto di traverso

Restano gli altri sei, da legare pure
con rime nuove ben concatenate:
e la chiusura vuo maggiori cure

per far di due terzine disperate
le perle del sonetto, le più dure
badando di non scriver stupidate.

Racconto inviato da: Benito Ciarlo