POESIE - LAZIO
Er pentimento
Quanto possa essere sincero e disinteressato il pentimento di un indagato è tutto da dimostrare.
Dialetto: Lazio

Er pentimento
«Si li giornali parleno der fatto
è segno ch’è ‘na cosa sconvorgente;
però me pare che quer pôro matto
vie’ tartassato troppo da la gente…

D’accordo, ha fatto secco ‘n conoscente,
ha ammazzato la mojie e puro er gatto,
s’è magnato dell’urtimo parente
la coratella cruda fatt’ar piatto,

m’alla fine, però, nun s’è pentito?
N’ha chiesto scusa a tutti e ccià rimorzo?
A mme a vedello appare assai contrito!»

« Che fai ce caschi Nì? Ma ch’hai capito?
cce sta solo a provà ppe fa er ricorzo,
pe sfangasse dar gabbio, l’impunito! »




Traduzione in italiano

Il pentimento
«Se i giornali parlano del fatto
è segno che è una cosa sconvolgente;
però mi pare che quel povero matto
vien tartassato troppo dalla gente…

D’accordo, ha fatto secco un conoscente,
ha ammazzato la moglie e pure il gatto,
s’è magiato dell’ultimo parente
la coratella cruda fatt’al piatto,

m’alla fine, però, non s’è pentito?
Non ha chiesto scusa a tutti ed ha rimorso?
A mme a vederlo appare assai contrito!»

« Che fai ci caschi Nì? Ma ch’hai capito?
sta soltanto provandoci per fare il ricorso,
pe sfangarsi dal carcere, l’impunito! »

Racconto inviato da: Benito Ciarlo