POESIE - LAZIO
Chi sementa virtù raccojie onori
Un predicozzo per figli e nipotini sotto forma di sonetto
Dialetto: Lazio

Chi sementa virtù raccojie onori
Si voi sta ben’ar monno, fijio mio
te devi aricordà ‘r comandamento
che se lo scordi, invece, dai l’addio
a la stima de l’antri in un momento.

Conserva ‘ntatta la tua fede in Dio,
tira fora li sogni dar cassetto,
nun dì “me piace fa ‘come voji’io”
e nun covà rancori drent’ar petto.

Rifuggi come peste la bucìa
ch’è la gemella de la mardicenza
madregna trista de l’ipocrisia.

E soprattutto resta in allegria,
ascorta che te dice la cuscenza
e marcia fiero pe la retta via.




Traduzione in italiano

Chi semina virtù raccoglie onori
Se vuoi star ben’al mondo, figlio mio
ti devi ricordare il comandamento
che se lo scordi, invece, dai l’addio
a la stima degli altri in un momento.

Conserva intatta la tua fede in Dio,
tira fuori i sogni dal cassetto,
non dìr “mi piace far come vogli’io”
e non covar rancori dentr’al petto.

Rifuggi come peste la bugìa
ch’è la gemella de la maldicenza
matrigna trista de l’ipocrisia.

E soprattutto resta in allegria,
ascolta che ti dice la coscenza
e marcia fiero pe la retta via.



Racconto inviato da: Benito Ciarlo