POESIE - LAZIO
L'Orso Bianco
Certe volte i divieti inutili raggiungono lo scopo più di quelli veri...
Dialetto: Lazio

L'Orso Bianco
C’era ‘na vorta un mago assai potente,
che millantava de fabbricà l’oro
partènno da le pietre der torrente.
Er Re volle vedello in concistoro.
Mago! - je disse er Re fra li Ministri,
- me devi dà la formula all’istante,
così cavàmo i sassi e, li reggistri
dei conti nazzionali, s’è bastante,
famo tornà all’attivo in un momento. -
Er mago, doppo quarche tiritèra,
concesse ar Re la chiave der portento,
ma disse: Hai da st’attento, la miniera
nun se realizza si, quanno cce tenti,
tu penzi all’orso bianco! M’hai capito? -
- E cche cce vo’?- je fece fuor dai denti
er sovrano impaziente e ingagliardito.
Se fa portà quintali de ghiajètta
e li fa scaricà giù nell’Erario
e mentre tutt’er popolo l’aspetta,
s’appresta a transformà l’armamentario.
- Nun ce devo penzà! - penz’assai spesso,
mentre pronuncia la parol fatata,
- Nun ce devo penzà sennò, che fesso,
la ghiaja resta tal, non transformata.-
Com’è annàta a finì cce lo sapete:
de certo er Re, de formulare stanco,
penzànno d’un penzà, l’immagginate,
fallì penzanno sempre all’orso bianco.



Traduzione in italiano

L'Orso Bianco
C’era una volta un mago assai potente,
che millantava de fabbricar l’oro
partendo dalle pietre del torrente.
Il Re volle vedello in concistoro.
Mago! - gli disse er Re fra i Ministri,
- me devi dar la formula all’istante,
così caviamo i sassi ed i registri
dei conti nazionali, s’è bastante,
facciamo tornare all’attivo in un momento. -
Il mago, doppo quarche tiritèra,
concesse al Re la chiave der portento,
ma disse: Devi stare attento, la miniera
non si realizza se, quando ci tenti,
tu penzi all’orso bianco! M’hai capito? -
- E che ci vuol?- gli fece fuor dai denti
il sovrano impaziente e ingagliardito.
Si fa portar quintali de ghiaghietta
e li fa scaricar giù nell’Erario
e mentre tutt’il popolo l’aspetta,
s’appresta a trasformar l’armamentario.
- Non ci devo pensar! - pens’assai spesso,
mentre pronuncia la parol fatata,
- Non ci devo pensar sennò, che fesso,
la ghiaghia resta tal, non trasformata.-
Com’è andata a finire lo sapete:
di certo il Re, di formulare stanco,
pensando di non pensare, l’immagginate,
fallì pensando sempre all’orso bianco.


Racconto inviato da: Benito Ciarlo