POESIE - LAZIO
L'orazziòne der contadino

Dialetto: Lazio

L'orazziòne der contadino
Tera asciuttata de la mia campagna,
la sete l’ha spaccata e le cicale
canteno ‘na canzona sempre eguale,
che come ‘n’ossessione m’accompagna.

Tera abbagnata dòppo la tempesta,
se sparpaja l’odore de la lùscia..
traméntre che l’ucelli fanno festa,
er sole se riaffaccia e er vento sciuscià.

Tera compagna…tera traditora..
tera puttana…tera signora..
Tera seminata de speranza,
rigalame la carma e l’abbonnanza.





Traduzione in italiano

La preghiera del contadino
Terra arsa della mia campagna
il sole ti ha inaridito e le cicale
cantano una canzone sempre uguale
che come un’ossessione mi accompagna.

Terra bagnata dopo la tempesta
l’odore della pioggia si diffonde
e mentre gli uccelli fanno festa
torna il sole e soffia il vento.

Terra compagna..terra traditrice..
terra di tutti..terra signora
Terra seminata dalla speranza
regalami la calma e l’abbondanza.





Racconto inviato da: Paola Durantini