POESIE - LAZIO
Er bacio

Dialetto: Lazio

Er bacio
Ce stanno tanti modi de dà un bacio…
C’è quello de saluto e de commiato
se dà ar fratello e poi pure ar cognato.

Se ce stà in còre tanta tenerezza
er bacio te diventa ‘na carezza…
è quello che tu dai ar tuo fonghétto
quanno dorme sdrajato sopra ar letto.

Poi ce stà er bacio, quello cor pizzicotto
lo dai quanno che sei davero cotto
ciài er còre tutto cormo da l’affetto
e lo voi scaricà… così.. de getto.

C’è er bacio ch’è dettato da l’amore,
quello che parte e ariva dritto ar còre..
tu sentì ne la còccia li stornelli
e li giorni diventeno più belli.

Er bacio quello càllo de passione
te prenne tutto..te fa confusione…
te scombussola puro ner ciàrvello
er core è gonfio e balli er sartarello.


Infine ce stà er bacio traditore
e quello a Giuda nun je fece onore….
de certo tu nun poi chiamalli baci
l’ommini giusti… nun ne so’ capaci!





Fonghétto=bambino









Traduzione in italiano

Il bacio
Ci sono tanti modi di dare un bacio....
C'è quello del saluto e di addio
si da al fratello e al cognato.

Se c'è nel cuore tanta tenerezza
il bacio diventa una carezza...è quello che dai al tuo bambino
quando dorme sdraiato sul letto.

Poi c'è il bacio a pizzicotto
si da quando si è davvero innamorati
hai il cuore gonfio di affetto
e lo vuoi scaricare così... di getto.

C'è il bacio dell'amore
quello che parte e arriva dritto al cuore...
tu senti canzoni nella testa
e i giorni diventano più belli.

Il bacio caldo della passione
ti prende tutto e ti confonde
ti scombussola anche il cervello.
il cuore scoppia e ti viene voglia di ballare.

Infine c'è il bacio del tradimento
ed è quello che a Giuda non gli fece onore...
certamente non puoi chiamarli baci
gli uomini giusti non ne sono capaci!


Racconto inviato da: Paola Durantini