POESIE - LAZIO
Er Fijiol prodigo - cotroparabbola
Dipenderà dal fatto che sono il primogenito di nove fratelli, però a me quelli come il figliol prodigo di evangelica memoria mi fanno una rabbia! E' chiaro che la giustizia di Dio è profondamente diversa dalla nostra e quindi devo cristianamente ammettere che siccome la parabola di Gesù identifica nel perdono del padre verso il figlio birichino quello di Dio per tutti noi, la storia non fa una grinza. Nella realtà però immagino che le cose qui da noi sarebbero andate press'a poco così:
Dialetto: Lazio

Er Fijiol prodigo - cotroparabbola
Er fijio dice: “ Pa’, dammi li sordi
che vojio annà ‘ vedè com’è la vita.”
Er padre j’arisponne: “Te lo scordi,
la vit’è questa e nun ce vo’ ‘na gita
pe’ capì ch’è difficile e canajia:
perciò, nun t’allargà, tajiamo corto,
stàttene bbono, mettite na majia,
pijia na zappa e và ‘ sudà nell’orto!”
Er fijio immusonito mo’ contesta:
“Papà” – je dice – “ e dammi er capitale!
me lo devi da dà, ciò da fa’ festa
ciò da conosce er bene e puro er male!”
Er padre guarda torvo er fijio scârtro,
se copre la capoccia cor suo velo,
je gira er grugno e torn’a ffà dell’antro.
Er fijio penza: “ Ammazza quanto gelo!
Nun sgancia manco er becco d’un quadrino...
...vabbè, ma mo’ che scrive ner Vangelo
quell’amico de Cristo scribbacchino?”




Traduzione in italiano

La controparabola del Figliol Prodigo
Il figlio dice: “ Papà dammi i soldi
che voglio andare a vedere com'è la vita.”
Il padre gli risponde: “Te lo scordi,
la vit’è questa e nun ci vuole una gita
per capir ch’è difficile e canaglia:
perciò, non allargarti, tagliamo corto,
stattene buono, mettiti una maglia,
piglia una zappa e va a sudar nell’orto!”
Il figlio immusonito ora contesta:
“Papà” – gli dice – “ e dammi il capitale!
me lo devi dare, ho da fare festa
ho da conoscere il bene e pure il male!”
Il padre guarda torvo il figlio scaltro,
si copre la testa col suo velo,
gli volta la schiena e torna a far dell'altro.

Il fijio pensa: “ Ammazza quanto gelo!
Non sgancia manco il becco d’un quattrino...
...vabbè, ma ora che scrive ner Vangelo
quell’amico de Cristo scribacchino?”



Racconto inviato da: Benito Ciarlo