POESIE - CALABRIA
ZÀDDRARI
Un comico (si fa per dire, altro che comico!) ricordo della terza elementare e della fame, quella vera. Note: Ciccu è il diminuitivo di Franciscu. Il dialetto è quello di Montalto Uffugo (CS)
Dialetto: Calabria

ZÀDDRARI
Francìscu fatigàv'a ri carcàri,
ru figliu, 'Ntoni, 'mmeci ihj'a ra scòla,
'a stessa classi mija di lementàri.
Nu piatt'i pasta ccu vasinicòla
nu juorn'a Ciccu simu jut'a dàri
a minzijuornu prim'i ihj a ra scòla.
Franciscu allura ppi putì mangiari
Smuòlica tutta quanta ra mappìna,
rap'a gavetta e sta ppi cuminciàe
ma guarda prim'u figliu e pu' a furcina:
" 'Nto', tu ha mangiatu oppuri mangi doppu?"
U figliu gnùcia l'aria e lipperlì
Si tocca l'uocchi ccu ri man'a cuoppu,
e pue rispunne: "Ha dittu mamma, sì!"









Traduzione in italiano

Stracci
Francesco lavorava alla fornace
Il figlio, Toni, invece andava a scuola,
la stessa classe mia, alle elementari.
Un piatto di pasta con basilico
Un giorno a Cicco siamo andati a dare
Sul mezzogiorno prima di recarci a scuola Francesco allora, per poter mangiare
Apre i lembi del canovaccio
Apre la gavetta e sta per cominciare
Ma guarda prima il figlio e poi la forchetta:
" Toni, tu hai mangiato oppure mangi dopo?"
Il figlio inghiotte l'aria e li per lì
Si copre gli occhi con le mani
E poi risponde: "Ha detto mamma, sì!"

Racconto inviato da: Benito Ciarlo