POESIE - LAZIO
Superbia
-Una incavolatura del Padreterno che giustifica il modo di dire: sta succedendo un'iradiddio! -Le considerazioni dell'uomo qualunque che manco s'accorge d'ostentar superbia e la conclusione dell'umile.
Dialetto: Lazio

Superbia
Quànno er Zignore convocò li Santi
ppe ffà la graduatoria a li peccati,
volle sentìlli prim'a tutti quanti
e doppo sentenziò: "Sì, cce so stati
offese ar monno e offese alla natura,
spregi ar Divino e cortellate ar core
der Fijo mio, che vinse la paura
dell'Omo, arrìgalànnoglie l'Amore,
ma, quer che nun sopporto, ancora adesso,
è quer peccato che me fece Adamo,
che tramandò a li fiji, brutto fesso:
staccò de la Superbia er pomo al ramo
e, senza manco cce fa ssu 'n riflesso,
me cojonò, magnànnoselo sano!"
"A'n vedi!", proseguì l'Eterno Padre,
"In questo monno la Superbia impèra,
la tènghino a braccetto genti ladre
e, certe vorte, pure chi nun spera.
Invece de pregamme d'ajùtalle
biastèmano er mi' nome o quello vostro;
sta razza d'impuniti senza balle
piuttosto che pregà me crede 'n mostro!"
San Pietro, pe' carmà l'Onnipotente,
je disse sottovoce quarche scusa,
sibbene l'Omo 'n meritasse gnènte.
Er Padreterno arribbadì l'accusa:
"Pietro!" je disse, "vall'a ddì a la gente
ch'è già peccato solo si l'annusa!"
Capito sì cche robba? Già l'odore
de la Superbia offenne l'Alte Sfere,
e, l'Omo, invece de cercà l'Amore
continua a ffà er cojone, a nun vedere.
Ecco spiegata, quindi la raggione
dell'esistenza stessa dell'inferno:
l'unico posto, l'unica occasione
in do' pagà quer conto ar Padreterno!

...Cos'è che state a dì? Nun biastemate!
La Sua, mica è superbia, è n'antra cosa:
l'Onnipotente, dài, cce lo sapete
distingue la superbia de la rosa
vicino all'umirtà dei ciclamini,
perciò l'ha fatti nasce senza spini!



Traduzione in italiano

Superbia
Quando il Signore convocò i Santi
per far la graduatoria dei peccati,
volle sentìrli prima tutti quanti
e dopo sentenziò: "Sì, ci sono stati
offese al mondo e offese alla natura,
spregi ar Divino e coltellate al cuore
del Figlio mio, che vinse la paura
dell'Uomo, regalandogli l'Amore,
ma, quel che nun sopporto, ancora adesso,
è quel peccato che mi fece Adamo,
che tramandò ai figli, brutto fesso:
staccò della Superbia il pomo al ramo
e, senza manco rifletterci su,
mi prese in giro, mangiandoselo sano!"
"Guarda!", proseguì l'Eterno Padre,
"In questo monno la Superbia impera,
la tengono a braccetto genti ladre
e, certe volte, pure chi non spera.
Invece de pregarmi d'aiutarle
bestemmiano il mio nome o quello vostro;
'sta razza d'impuniti senza balle
piuttosto che pregar mi crede un mostro!"

San Pietro, pe' calmar l'Onnipotente,
Gli disse sottovoce quarche scusa,
nonostante l'uomo non meritasse niente.
Il Padreterno ribadì l'accusa:
"Pietro!" gli disse, "vall'a dire alla gente
ch'è già peccato solo se l'annusa!"

"Capito che roba? Già l'odore
della Superbia offende l'Alte Sfere,
e, l'Uomo, invece de cercar l'Amore
continua a fare il coglione, a non vedere.
Ecco spiegata, quindi la ragione
dell'esistenza stessa dell'inferno:
l'unico posto, l'unica occasione
dove pagar quel conto ar Padreterno!"

...Ma cosa dite? Via non bestemmiate!
La Sua, mica è superbia, è un'altra cosa:
l'Onnipotente, dài, lo sapete
distingue la superbia della rosa
dall'umirtà dei ciclamini...
perciò l'ha fatti nascer senza spini!

Racconto inviato da: Benito Ciarlo