POESIE - LIGURIA
A mæ gente
La poesia nasce assistendo ad un incontro tra poeti dialettali genovesi.
Dialetto: Liguria

A mæ gente
No l’é facile trovâ
e mæ genti spanteghæ
in te redugge da çitæ
seræ fra i monti e o mâ,
ti i senti in to parlâ
pe caxo, quarche votta.
Ti-i senti in te cansoin
co-e seu malinconie
che parlan un pö de mâ
de stoïe do passòu,
con tanta nostalgia,
un pö ammagonæ.
Ti-i senti in te poexïe
pinn-e de sentimento
che desghêuggian o sò dô
comme un vegio lamento
c’o vegne da lontan.
Son mugugnoin
ûn pô rusteghi,
serveghi comme i gatti
che se tegnan d’ärente,
fâxendo i fæti sò.
A l’è questa a mæ gente:
pâ sempre ch’a l’addente
o ch’a se mette a bajâ,
ma sotta a scorsa sgreuzza
ti ghe senti un gran cheu
e quande poche votte
ti-i veddi tutti insemme...
ti l’abbraççiesci tutti.
Se ti-i veddi cantâ
a pâ unn-a messa laica
ca vegne sciû da-o cheu…
…e g’han i euggi lucidi
pan quæxi di figgieu.


Traduzione in italiano

La mia gente
Non è facile trovare
le mie genti (le persone della mia città)sparpagliate
nelle pieghe della città
chiusi tra i monti e il mare,
li senti nel parlare
per caso,qualche volta.
Li senti nelle canzoni
con le loro malinconie
che parlano un po' del mare
delle storie del passato,
con tanta nostalgia
con un po' di magone.
Li senti nelle poesie
piene di sentimento
che srotolano il loro dolore
come un vecchio lamento
che viene da lontano.
Son brontoloni
un po' rustici
selvatici come i gatti
che si tengono vicino,
facendo i fatto propri.
E' questa la mia gente
pare sempre che morda
o che si metta ad abbaiare,
ma sotto la scorza ruvida
ci senti un gran cuore
e quando qualche volta
li vedi tutti insieme...
li abbraceresti tutti.
Se li vedi cantare (è uno spettacolo)
sembra una messa laica
che viene su dal cuore...
...e hanno gli occhi lucidi
sembran quasi dei bambini.

Racconto inviato da: Guido De Marchi