POESIE - LAZIO
La stella

Dialetto: Lazio

La stella
Ner cèlo da stasera c'è 'na stella
che splenne de 'na luce ancor più bella.
Tra tutte lei sbrilluccica e sfavilla
sbucanno co' li lampi la pupilla.

Ognuno che la guarda è forgorato...
rimane ammutolito e innammorato.
Chiedennoje com'è che c'è arivata,
lei te risponnerà:" M'hanno mannata.!"

"Stò quà, perchè er Signore me vò bene
e nun me vò lassà tra tante pene...
Lui m'ha riccorto...bella tra le belle...
sò una de le tante pecorelle."

"So' nata pe' disgrazzia in mezzo a un prato
da quarched'uno che nun m'ha mai amato...
Jacopo è er nome mio..chi me l'ha dato
certo ricorderà come so' nato!"


Traduzione in italiano

La stella
Nel cielo da stasera c'è una stella
che risplende di una luce ancora più bella.
Tra tutte le altre brilla e sfavilla
bucando con i suoi lampi la pupilla.

Tutti quelli che la guardano rimangono folgorati...
restano in silenzio e si innamorano.
Se le chiedi come mai è nel cielo
lei ti risponderà:"Mi ci hanno portato!"

" Sono qua, perchè Dio mi ama
e non mi poteva lasciare tra tante pene...
Lui mi ha raccolto... bella tra le belle...
sono una delle tante sue pecorelle."

"Sono nata disgraziatamente su di un prato
da qualcuno che non mi amava...
Il mio nome è Jacopo.. chi me lo ha dato
sicuramente ricorderà come sono nato!"

Racconto inviato da: Paola Durantini