POESIE - LAZIO
"L'incomunicabbilità"

Dialetto: Lazio

"L'incomunicabbilità"
Ciàvemo tutti er dono de parola…
ciànno imparato a usalla puro a scola.
De certo ne la vita tribbolamo
e co’ la gente , a vorte, nun parlamo…
La sera stracchi, senza tanti grilli
sognamo de restaccene tranquilli.
Doppo avè, ner travajo, tribbolato
cercamo er pisolino guadammiàto.
Ne la famija nun ce so’ parole…
nun c’è colloquio manco co’ la prole…
e se er ragazzino fa caciàra
allora…du’ ceffoni e accusì impara!



Traduzione in italiano

"L'incomunicabilità"
Tutti abbiamo il dono della parola
ci hanno insegnato ad usarla anche a scuola.
Vivere a volte è faticosa
e non parliamo quasi mai con le altre persone...
La sera siamo stanchi e non abbiamo desideri
quello che sognamo è la tranquillità.
Dopo aver avuto una dura giornata di lavoro
desideriamo solo riposare.
In famiglia non si parla più
neanche con i propri figli...
e se per caso il bambino disturba la quiete
allora due schiaffoni e amen....

Racconto inviato da: Paola Durantini