POESIE - LAZIO
Er verd'aspetta

Dialetto: Lazio

Er verd'aspetta
Seduta su la soja dei penzieri
stò raccojenno li ricordi neri.
Ripenzanno a li fatti più lontani..
me ritrovo er grugno tra le mani.

Vorei aretrà ner tempo…cambià le cose
ma nun se po’..so’ spine, nun so’ rose.
Così, io so’ costretta a guardà avanti
cercanno de fa er bene a tutti quanti.

Però, a ‘sto mònno, semo proprio troppi
ce stanno tanti bòja, morti intoppi.
Me sento spesso sola e er verd’aspetta
è l’unica compagna che dà retta!




Traduzione in italiano

La speranza
Pensierosa,
ricordo i brutti momenti della mia vita.
Penso ai fatti accaduti..
e mi ritrovo con il viso tra le mie mani.

Vorrei tornare indietro nel tempo e cambiare quei fatti,
ma non è possibile...sono spine senza rose.
Così sono costretta ad andare avanti
cercando di compiere buone azioni anche per gli altri.

Però questo proposito è difficile, ci sono troppe persone cattive, troppi ostacoli da superare.
Spesso mi sento sola,e la speranza
è l'unica compagna della mia vita.

Racconto inviato da: Paola Durantini