POESIE - VENETO
Voja... no voja!
Poesia di Mons. G. Rossin, fondatore e presidente del Cenacolo Poeti Veneti "El Graspo de Thiene", recentemente scomparso
Dialetto: Veneto

Voja... no voja!
Angelo bianco co le ciave in man
romai son vecio e ti te ghè rason.
ma fin ch’el me fornaro vien col pan
no cato bona gnanca na stajon.

No sta vegnere a torme in primavera:
tuti chei fiori che ghe xé in giardin,
el paradiso mi lo go qua in Tera
e, co xè Pascoa, se inbotìlia el vin.

Gnente vegnèr de istà, Angelo mio,
parchè son via de casa a far le cure.
Tote anca ti le ferie e sta con Dio;
parchè te ponze tute ste premure?

Anca in autuno no sta darte pressa:
tien presente che go da verdemare
e po’ te savarè ch’el vin da Messa
lo fasso mi e… ‘l ghe vole so l’altare.

De inverno pèzo oncora! Co quel gelo?
Vestìo cussì, te làsselo el Paron?..
Viento co dormo e sogno on mondo belo?
Ma sì!.. Càtelo ti el momento bon.

Nani del Borgo
(Mons. Giovanni Rossin)



Traduzione in italiano

Vuoi… non vuoi!
Angelo bianco con le chiavi in mano,
ormai son vecchio ed hai ragione,
ma finché il mio fornaio porta il pane
non trovo giusta alcuna stagione.

Non venire a prendermi in primavera:
con tutti quei fiori che sono in giardino
il Paradiso ce l’ho qua in terra
e, a Pasqua, s’imbottiglia il vino.

Non venire d’estate, Angelo mio,
perché son lontano a far le cure.
Prendi anche tu le ferie e sta con Dio;
perché ti urgono tutte queste premure?

E anche in autunno non affrettarti:
tieni presente che devo vendemmiare
e poi lo saprai che il vino della messa
lo faccio io, e necessita sull’altare.

D’inverno i giorni sono brevi e con quel gelo,
vestito così, te lo permette il Padrone?
Vieni mentre dormo e sogno un mondo bello?
Ma sì!... trovalo tu il momento migliore.


Racconto inviato da: Mons. Giovanni Rossin