RACCONTI - CAMPANIA
CàVERO D'AUSTO
C'è sempre un'altra soluzione!
Dialetto: Campania

CàVERO D'AUSTO
‘Na signora sbattenno ‘nu ventaglietto saglie ‘ncoppa a ‘nu tassí e accummencia a prutestà cu ‘o sciafferre:
- “ Addó maje s’ è vvisto ca cu chestu càvero ‘o tassí nun tène ll’aria condizionata?...Cca ddinto fa ‘nu càvero d’inferno!...”
‘O sciafferre:
- “ E nun ve preoccupate signó, mo ve conto ‘nu poco ‘e guaje mieje e ve faccio vení ‘o friddo ‘ncuollo!”



Traduzione in italiano

CALDO AGOSTANO
Una signora agitando un suo ventaglietto monta in taxi e comincia a protestare con l’autista:
- “ Dove mai si è visto che con questo caldo, il taxi non à l’aria condizionata?... Qui dentro fa un caldo infernale!...”
L’ autista:
- “ E non preoccupatevi signora, adesso vi racconto un po’ i miei guai e vi faccio venire il freddo addosso!”


Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - NAPOLI