POESIE - PUGLIA
Misteri Pasqua 2009
Il racconto della processione dei Misteri,ricca di fede e suggestione, che in molte città del Sud si svolge il Venerdì Santo è un modo per avvicinare l'uomo di oggi alla pace di un tempo sperando che essa possa tornare a rasserenare tutti quanti.
Dialetto: Puglia

Misteri Pasqua 2009
Lu venerdia, la sera di la passioni,
Da lu Carmunu si parti na granni prucissioni.
Pi tuttu lu paisu, chianu chianu,
Escuti li misteri, a manu a manu.

Lu primu nnanti a tutti, cu la lusci
Passa Giuda, cu la facci trusci.
Ve ggirannu e tutti già lu sannu,
Cu iacchia lu Signori, puru avvuannu.

A na rastiglia passa ncatinatu
Lu Signori nuestru, tuttu flagellatu;
'ncapu 'ncioni misu na grona di spini
E, pi spreggiu, na canna'nta lli mani.

Quanni da nanti ti passini e li viti
Comi ti puè pinzà ca non ci criti?
Madonna ce ti sienti 'nta lu cori:
E' comi nu figghiu tua, ce dilori!

Nisciunu teni cori di parlai.
Ognunu penza surtanta a caminai.
E ci ti vueddi, po', alla nchianata
Tu ti vit'arrivà l' Indolorata.

Totta di neru, ierta ca traballa
Chianci puru ci la porta a spalla
Allu cielu li vecchi s'è sbuddatu
Allu vetiri lu figghiu accussì cumbinatu.

Tre crusci passini strisciannu,
Tre ncappucciati li voni purtannu.
Quanti so gruessi, quanti so pisanti,
Fatti propria apposta, pi li carni santi.

Sott'a la crosci 'nterra mu è scuppatu
Pesa propria assai, ma nisciunu l'è iutatu.
Lu sagnu strada strada scenni lientu,
E tuttu s'è firmatu, puru lu vientu.

E mu? Amu rrivatu propria mponta,
All'urtimu quadru di sta storia santa:
Sobba nu litticieddu tuttu biancu
Mmucciatu cu nu velu: "Cristu Muertu".

Chianciuni tutti, piccinni e granni puru
E ncanna ti sienti com'a nu fidduru.
Poviru Cristu mia ca m'è criatu,
Muertu propria pi me, c'agghiu piccatu.



Traduzione in italiano

Misteri Pasqua 2009
Il Venerdì, la sera della Passione
dal Carmine si parte una gran processione
per le vie del parse, piano piano
Escono i Misteri: nano nano.

Primo avanti a tutti con la luce
Passa Giuda con una faccia truce
va girando e tutti già lo sanno
per trovare nostro Signore, anche quest’anno

Ad un cancello passa incatenato
il Signore nostro, tutto flagellato
In testa gli han messo una corona di spine
e, per disprezzo, una canna nelle mani

Quando ti passano d’avanti e tu li vedi
Come puoi pensare di non credere
Madonna cosa ti senti dentro al cuore
Come un figlio tuo, che dolore.

Nessuno ha il coraggio di parlare
Ognuno pensa solamente a camminare
E se poi ti giri alla salita
Vedi che sta arrivando l’Addolorata.

Tutta di nero, alta che traballa
Piange anche chi ma porta a spalla
Al cielo gli occhi ha rivoltato
Nel vedere il figlio così combinato

Tre croci passano strisciano
Tre incappucciati li vanno portando
quanto son grosse, quanto son pesanti
Fatte proprio apposta per le carni sante.

Sotto la croce, per terra, è mo caduto
Pesa prorpio troppo e nessuno l’ha aiutato
il sangue strada strada scende lento
E tutto s’è fermato, pure lo vento.

E mo? Siamo giunti proprio alla fine
all’ultimo quadro di questa storia santa:
Sopra una barella, tutto bianco,
Coperto con un velo, « Cristo morto »

Piangono tutti, piccoli e grandi pure
E in gola ti senti come un tappo duro:
povero Gesù mio che m’hai creato
Morto proprio per me che ho peccato.


Racconto inviato da: Vito Giuseppe Carlucci