POESIE - CALABRIA
SENZA RRIVARDU
"L'unione fa la forza" dice il proverbio. Ma quest'ultima fa comodo a chi la esercita, non a chi la subisce. Una parola che non mi è mai piaciuta! (Sonetto inedito, dialetto calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

SENZA RRIVARDU
Oggi mi faci rrìdiri 'ssa ggenti
cumbinta di tagghiari un gran travàrdu
tra bbattimani, tra ffesteggiamenti,
cu ssissant'anni e ppassa di rritardu.

Cangiari nomi e nnon cangiari nenti
vôl diri sulu e ssempi… jattupàrdu.
Tanti prutèstunu, non su' ccuntenti;
'u fazzu puru eu, senza rrivàrdu.

Penzu a Ttotò: "Quisquìlii, pinzellàcchiri".
A ccu' ndi vôli, 'o sòlitu, cunfùndiri
nci ricu: «Fatti sèrbunu, non chiàcchjri».

Non sannu cchiù chi ddiri, chi rrispùndiri.
Mi sònunu, mi bbàllunu ch’i nàcchiri,
mi vannu tutti… mi si fannu fùndiri!

(24-03-2009)





Traduzione in italiano

SENZA RIGUARDO
Oggi mi fa ridere codesta gente
convinta di tagliare un gran traguardo
tra battimani, tra festeggiamenti,
con sessant'anni e passa di ritardo.

Cambiare nomi e non cambiare niente
vuol dire solo e sempre… Gattopardo.
Tanti protèstano, non sono contenti;
lo faccio pure io, senza riguardo.

Penso a Totò: "Quisquilie, pinzellacchere".
A chi ci vuole, al solito, confondere
dico: «Fatti occorrono, non chiacchiere».

Non sanno più che dire, che rispondere.
Che suònino, che bàllino con le nacchere,
che vàdano tutti… a farsi fòndere!

Racconto inviato da: MAMUNI