POESIE - CALABRIA
CANI
Si dà la colpa ai cani ma, a ben pensarci, è sempre… dei padroni. (Sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

CANI
Non bàstunu i prioccupazzïuni
d"a crisi, mo nci sunnu bbranchi 'i cani
chi sbrànunu a 'ddi mari cristïani,
specî ê figghioli, ténniri bbuccuni.

'A curpa, nompirò, è dd'i patruni
ch"i 'bbandùnunu, spissu, ccà e ddàni
e li bbèstii, si ppo' si fannu srrani
è ppirchì martrattati su' e ddjùni.

D'u rrestu, quanti pirsunaggi sani,
a ll'apparenza, 'mmàzzunu a mmucciuni
ê poviretti chi nnon ànnu pani?!

Cani 'i chiamamu, senza na rraggiuni,
non cuccutriddi, veri caimani
ch'ànnu tuttu e ssu' avidi mangiuni!

(22-03-2009)




Traduzione in italiano

CANI
Non bastano le preoccupazioni
della crisi, ora ci sono branchi di cani
che sbranano quelle povere persone,
specialmente i bambini, teneri bocconi.

La colpa, tuttavia, è dei padroni
che li abbandonano, spesso, qua e là
e le bestie, se poi diventano strane
è perché sono maltrattate e digiune.

D'altronde, quanti personaggi sani,
all'apparenza, uccidono di nascosto
quei poveretti che non hanno pane?!

Cani li chiamiamo, senza una ragione,
non coccodrilli, veri caimani
che hanno tutto e sono avidi mangioni!




Racconto inviato da: MAMUNI