POESIE - LIGURIA
Aütunu a Lêua

Dialetto: Liguria

Aütunu a Lêua
L’aütunu chi sempre
figgiêu l’è descösu
ch-u va, lerfe russe
de mòe du rian.

Pè l’oja stan gusse
de frescu: l’oudû
di funxi: de l’öve
i sciammi e-i travagli:

e-i scciassi passaggi
d’oxelli, che-i vegne
chissà da quali paixi,
e-i rema, in po’ stanchi

pe-in çê celeste
che l’à gianchi balùi
de nivue tranquille,
ma foscia in po’ tristi.






Traduzione in italiano

Autunno a Loano
L’autunno qui sempre
è fanciullo scalzo (=descösu)
che cammina, le labbra (=lerfe) rosse
di more (=mòe) del torrente.

Per l’aria galleggiano (=stan) gocce
di frescura: il profumo (=oudù)
dei funghi (=funxi): e delle api (=öve)
gli sciami (=sciammi) ed il loro lavori (=travaggi).

Ed i fitti (=scciassi) passaggi
d’uccelli, che vengono
chissà da quali paesi (=paixi),
e remano, un poco stanchi,

per un cielo celeste
che ha palloni (=balui) bianchi (=gianchi)
di nuvole (=nivue) tranquille,
ma forse (=foscia) un poco tristi.


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua