POESIE - LIGURIA
Chêu stancu

Dialetto: Liguria

Chêu stancu
Zà pe-u boscu pendalocchi
mette a cianta de ninsêue;
fin frevò, l'invérnu méue
e-u s'ingianca l'amanduetta
de pissetti e lëgi fiocchi

"Vegne a nêuva primaveja,
sveggia sveggia amigu chêu,
tempu bùn rispunta anchêu
pe' rimette in mô a barchetta
e dò a-u ventu a.noscia veja!!...

Ma u chêu toxe cume prïa,
drentu stancu de passon.

















Traduzione in italiano

Cuore stanco
Già per il bosco i ciondoli (=pendalocchi) di fiori
mette l’albero di nocciolo.(=ninsêue)
Fine febbraio (=frevò), l'inverno muore (=mèue)
s'imbianca il mandorlo (=amanduetta)
di pizzetti e fiocchi leggeri (=lëgi).

"Viene la nuova primavera,
sveglia (=sveggia), sveglia, amico cuore,
tempo buono rispunta oggi (=anchêu),
per rimettere in mare (=mô) la barchetta
e dare vento alla nostra (=noscia) vela!!...

Ma il cuore tace come pietra (=prïa)
stanco, dentro, di passato (=passon).