POESIE - LIGURIA
SAUTA MARTEN
filastrocca/poesia che la mia zia raccontava durante i nostri giochi
Dialetto: Liguria

SAUTA MARTEN
Sauta Marten, sauta cavallu
gia la corda u gh'è lu gallo,
e lu gallu u fa gianche ove
gia la corda u gh'è u mundu novu,
u mundu novu chi batte e chi sera
gia a corda u gh'è a tambera,
a tambera in ch'in pessu de baccu
gia a corda u gh'è lu gattu
e lu gatto u grafigna tutti
gia a corda u gh'è li mutti,
e li mutti i nun sa parla,
gia la corda u gh'è lu ma,
e lu ma u fa gianchi i pesci
gia la corda u gh'è lu can,
e lu can u ruxia e osse
gia a corda u gh'è e picosse,
e picose i s-cappa e legne,
gia la corda u gh'è le penne,
le penne i son bone pe' scrive
gia a corda u nu gh'è ciù niente.


Traduzione in italiano

SALTA MARTINO
Salta Martino, salta cavallo
gia la corda c'è il gallo
e il gallo fa bianche uova
gira la corda c'è il mondo nuovo
e il mondo nuovo che batte e sega
gia la corda c'è la tambera
e la tambera con un pezzo di bastone
gira la corda c'è il gatto
e il gatto graffia tutti
gira la corda ci sono i muti
e i muti non sanno parlare,
gira la corda c'è il mare
e il mare fa bianchi i pesci
gira la corda c'è il cane
e il cane rosicchia le ossa
gira la corda ci sono le picozze
le picozze spaccano la legna
gira la corda ci sono le penne
le penne servono per scrivere
gira la corda non c'è più niente.

Racconto inviato da: popolare