POESIE - CALABRIA
QUANTU SU’ BBRAVI!
Si vuole varare una legge per consentire al malato di scegliere come morire. Ma se i giudici decidono pur non essendoci la norma e i medici non sono obbligati a osservare il testamento biologico, il malato conta ancora qualcosa?!
Dialetto: Calabria

QUANTU SU’ BBRAVI!
U malatu chi, ffattu u testamentu
bbiològgicu, finissci ntô spitali,
penzu chi nnon pot’èssiri cuntentu
mi sapi chi pp’i mèrici non bali.

L’avìssiru a ccurari p’u so’ mali
ma spissu è ssulu oggettu ’i sperimentu
chi ttèrmina cu n’èsitu fatali
dopu nu terapèuticu ’ccanimentu.

Lòttunu senaturi e ddiputati
pi nu testu di leggi pocu chiaru.
Si stannu prufilandu i rrisurtati:

”Non si rripeti cchiù nu casu Englaru!”
E mmentri i ggiùdici su’ ppirdunati
u malatu chi ssoffri… nghiutti amaru.

(03-04-2009)




Traduzione in italiano

QUANTO SONO BRAVI!
Il malato che, fatto il testamento
biologico, finisce in ospedale,
penso non potrà essere contento
di sapere che per i medici non vale.

Dovrebbero curarlo per il suo male
ma spesso è solo oggetto di esperimento
che termina con un esito fatale
dopo un terapeutico accanimento.

Lòttano senatori e deputati
per un testo di legge poco chiaro.
Si stanno profilando i risultati:
”Non si ripeterà un caso Englaro!”

E mentre i giudici son perdonati
il malato che soffre… ingoia amaro.

Racconto inviato da: MAMUNI