POESIE - CALABRIA
CRISI GGINIRALI
Quando le cose vanno male, chi dovrà pagare per primo è sempre il Presidente! (tre sestine in dial. calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

CRISI GGINIRALI
”Cu’ ’rriva a Pprisirenti
è n’omu ’ccezziunali,
cchiù ’randi, cchiù vvalenti
di ll’àutri mortali”
pinzau sempi ’a ggenti.
Ma penza ancora uguali?

Quandu l’allenaturi
non sunnu bbravi masrri
e ttutti i jocatùri
cumbìnunu disasrri
nci vonnu curi e ccuri,
non pìnnuli, no’ mpiasrri.

Na squatra chi nnon bali
pot’èssiri vincenti?
Cu’ tifa penza a mmali,
ddifenta ’mpazïenti,
s”a pìgghia, è nnaturali,
puru c’u Prisirenti.

(05-04-2009)




Traduzione in italiano

CRISI GENERALE
”Chi arriva a Presidente
è un uomo eccezionale,
più grande, più valente
degli altri mortali”
ha sempre pensato la gente.
Ma pensa ancora allo stesso modo?

Quando gli allenatori
non sono bravi mastri
e tutti i giocatori
combinano disastri
ci voglion cure e cure,
non pillole, no’ impiastri.

Una squadra che non vale
può essere vincente?
Chi tifa pensa a male,
diventa impaziente,
se la prende, è naturale,
pure col Presidente.



Racconto inviato da: MAMUNI