POESIE - CALABRIA
PRIJAMU
Di fronte alle tragedie umane tutti si sentono più buoni e solidali. Preghiamo affinché l’Onnipotente faccia durare il più a lungo possibile questo stato di grazia. (sonetto inedito in dialetto calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

PRIJAMU
I cunsiquenzi, tutti negativi,
d’u terrimotu ’i lL’Aquila sû ggravi,
disasrrusi! ’Stu sisma pirò nd’àvi,
a qquantu vìu, aspetti positivi.

’Ddi ssciarri di sarbaggi primitivi,
’ddi ggrira chi nnasscìvunu ch’i bbavi
spariru d”a tti-vvù! Su’ ttutti bbravi
oggi i puliticanti, cumprinzivi.

’O Guvernu nci vòtunu a ffavuri
pirfinu l’avvirsari. È Ppasca. Antornu
nc’è ddisidèriu ’i paci, nu rritornu

â prijèra. «Mandàtici, o Signuri,
òmini nòvi, ggenti di valuri…»
Ma forsi serbi un terrimotu ’o jòrnu!

(09-04-2009)




Traduzione in italiano

PREGHIAMO
Le conseguenze, tutte negative,
del terremoto de L’Aquila sono gravi,
disastrose! Questo sisma però presenta,
a quanto vedo, aspetti positivi.

Quei litigi di selvaggi primitivi,
quelle grida che uscivano con le bave
sono spariti dalla TV! Son tutti bravi
oggi i politicanti, comprensivi.

Al Governo vòtano a favore
perfino gli avversari. È Pasqua. Attorno
c’è desiderio di pace, un ritorno

alla preghiera: «Mandàteci, o Signore,
uomini nuovi, gente di valore…».
Ma forse serve un terremoto al giorno!



Racconto inviato da: MAMUNI