POESIE - CALABRIA
criminalità
Tollerare, perdonare sempre e comunque non è solo indice di paura e di resa: vuol dire corruzione e fine annunciata del genere umano. (sonetto inedito nel dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

criminalità
D’un forti terrimotu, ch’è ffatali,
cu ttanti morti, cu ddisrruzzïuni,
u pòpulu si faci na rraggiuni
cumbintu ch’è n’eventu naturali.

Si scopri, poi, chi ffuru fatti mali
troppi lavuri di cusrruzzïuni;
càrunu comu fùssiru ’i cartuni
ponti, scoli, cu ccrèsii, cu spitali…

Puru i fùrmini, lampi colossali,
nd”i manda ’i ll’universu lu Patruni.
Ma l’omu, chi ssi bbòli è ggenïali,

mbentau u parafùrmini, vurpuni!
Quandu nu “paracrìmini” mi vali
si cusrruìssci… cuntr”e lazzaruni?

(13-04-2009)




Traduzione in italiano

criminalità
Di un forte terremoto, ch’è fatale,
con tanti morti, con distruzioni,
il popolo si fa una ragione
convinto ch’è un evento naturale.

Si scopre, poi, che furon fatti male
troppi lavori di costruzione;
cadono come fossero di cartone
ponti, scuole, con chiese e ospedali….

Anche i fulmini, lampi colossali,
dell’universo ce li manda il Padrone.
Ma l’uomo, che se vuole è geniale,

ha inventato il parafulmine, volpone!
Quando un “paracrìmine” che valga
verrà costruito contro i lazzaroni?



Racconto inviato da: MAMUNI