POESIE - CALABRIA
malannu crònicu
«Pùssa vìa!!» (Vàttene, va via!!), tipica locuzione romanesca caduta in disuso perché alla gatta che ci ruba la pietanza dalla tavola conviene rivolgersi con il massimo di tolleranza e bonomìa (sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

malannu crònicu
Parrari i Càiu, Tìzziu e Ssimpròniu,
chi lliticari sulamenti sannu
e nnenti i bbonu e ddi cuncretu fannu,
vôl diri stari ô jòcu ru Dimòniu.

U casinu chi ncè, stu pandimòniu
è lleffettu dun crònicu malannu.
Nasscìu ad Ateni e ffu nu veru ngannu;
non è mmunita, no, frisca di còniu.

Sambatti a ggenti ancora non capissci.
E na jàtta sarbàggia: a malatìa
llàvi ntô sangu! E ccertu non guarissci.

A ggenti nci pirmetti mi rrazzìa,
mi si frica ca trippa puru u pissci
pirchì non sapi diri: «Pùssa via!!»

(21-04-2009)




Traduzione in italiano

malanno cronico
Parlare di Caio, Tizio e Sempronio,
che sanno solamente litigare
e niente di buono e di concreto fanno,
vuol dire stare al gioco del Demonio.

Il casino che cè, questo pandemonio
è leffetto dun cronico malanno.
Nacque ad Atene e fu un vero inganno;
non è moneta, no, fresca di conio.

Forse la gente ancora non capisce.
E una gatta selvaggia: la malattia
ce lha nel sangue! E certo non guarisce.

La gente tòllera che razzìi,
che si prenda con la trippa pure il pesce
dato che non sa dire: «Pùssa via!!»





Racconto inviato da: MAMUNI