POESIE - CALABRIA
N’omu seculari
Verso la fine del secolo xx° nel Mezzogiorno d’Italia, i borghi rurali finirono sotto il dominio dei signorotti e baroni latifondisti, i quali non si fecero scrupoli a calpestare i diritti dei cittadini calabresi. In seguito a tali eventi l’autore immagina un vecchio uomo nato e vissuto nel paese di Acquaro (paese famoso nella provincia di Reggio Calabria per il Santuario di San Rocco – santo venerato in tutta la piana di Gioia Tauro) per più di un secolo, che ha visto nascere e morire tante generazioni, s’addolora per essere rimasto quasi solo ed aver perduto i migliori amici a causa dell’emigrazione.
Dialetto: Calabria

N’omu seculari
Pajisi ssulicatu ristasti Acquaru
tantu mi dispiaci mi tu dicu
sì dà chjiana u cchiù rricurdatu
pì ssantu roccu lu cchjiù stimatu.
Circundatu sì di tanta friscura:
cierssi, lìvari , chjiuppi e castagnari,
acqua cala frisca pì ccù teni siti
e pì ccù avi ortura i mbivarari.
A stu pajisi nisciù n’omu seculari
chì vitti nascìri tanti animi a nuda,
pì tantu ccoramentu cà restau sulu
penza cà nù jiornu mori senza i si ppura.
Quandu jddhu era cotrareju jucava pi vineji d’Acquaru
cu tant’atri so amici cotrari,
ora è ssulu e s’havi a cunortari
cà sapi cà llassaru pì lavurari.
Pi ll’anni ora chi tteni incoju
e suffirenti pì duluri ntrù cuorpu,
si senti pirdutu sinza di su cari
e pinza a muorti jettandu lacrimi amari.
N’amicu prima pimmi parti pa Mèrica
cierca mu ncuraggja cu pparuli duci,
ma iju sapi càvi i iuornna curtti
e ppuru cà pi iju lu sùli non luci.



Traduzione in italiano

un uomo centenario
Paese abbandonato sei rimasto Acquaro
mi dispiace tanto dirtelo
sei della piana il paese più famoso
per il santo pìù venerato della piana.
sei circondato da tanta frescura:
querce, uliveti, pioppi e castagneti,
l’acqua scorga fresca per gli assetati
e per chi ha orti da innaffiare.
In questo paese è nato un uomo centenario
che ha visto nascere tante anime ignude
è dispiaciuto perché è rimasto solo
pensa che un giorno morirà e nessuno lo saprà.
Quando era ragazzino giocava nei vicoli di Acquaro
con tanti altri suoi coetanei,
ora è da solo e si deve rassegnare
perche sa che lo hanno lasciato da solo per lavoro.
Per l’età che ha addosso
e le sofferenze per i dolori dentro il corpo,
si sente perduto senza i suoi cari
e pensa alla morte piangendo lacrime amare.
Un amico prima di partire per l’America
cerca di incoraggiarlo con parole dolci,
ma lui sa che ha i giorni contati
e pure che per lui il sole non splende più.


Racconto inviato da: catalano esterino