POESIE - CALABRIA
na sula leggi ||
Ci piaccia o no, il modello da seguire sta nella Legge universale. (sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

na sula leggi ||
Esisti l’Universu scunfinatu,
ch’i so’ galàssii, ch’i pianeti, i stiddi.
No’ mmi ntiressa comu fu ccriàtu,
s’è òpira divina o sìmu chiddi

chi nta nu luntanìssimu passatu
nasscimmu picciriddi picciriddi
e u “bbìgghj bbènghi” tantu decantatu
nta ll’ètiri schizzau comu spisiddi.

L’Universu, sicundu mia, si rreggi
pi ll’òrdini chi ssup’a mmunti e vvalli
guverna l’àsrri cu na sula leggi.

Chistu u sicretu. Nenti sòni e bballi,
sinnunca ô Gran Pasturi di lu greggi,
a ’st’ura… nci ggiràvunu li palli.

(02-05-2009)


Traduzione in italiano

una sola legge ||
Esiste l’Universo sconfinato,
con le sue galassie, i pianeti, le stelle.
Non m’interessa come fu creato,
s’è opera divina o siamo quelli

che in un lontanissimo passato
nascemmo piccoli piccoli
e il “big bang” tanto decantato
nell’ètere schizzò come scintille.

L’Universo, secondo me, si regge
per l’ordine che sopra monti e valli
governa gli astri con una sola legge.

Questo il segreto. Niente suoni e balli,
altrimenti al Gran Pastore del gregge,
a quest’ora… girerebbero le palle.

Racconto inviato da: MAMUNI