POESIE - CALABRIA
CU’ SI CUNTENTA GODI
L’annoso problema del Ponte sullo Stretto si può anche risolvere con metodi… artigianali. (sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

CU’ SI CUNTENTA GODI
Sapimu tutti, di chi mmundu è mmundu,
ch’un ponti non dividi ma cungiungi;
pirò, cchiù d’un pòliticu si pungi
jarmàndu ’stu dibbàttitu prufundu.

N’òpira non si faci ’i tundu an tundu,
no’ nnassci all’intrasàttu com”e fungi;
ogni scopu mpurtanti si rraggiungi
mirandu ddrittu, non c’u ggirutundu.

’Spittandu mi si mèntunu d’accordu
ggià non pìgghiu aliscafu nè ttraghettu.
D”a Sicilia a Mmilanu vaiu a bbordu

d’un mezzu sicurìssimu, pirfettu,
chi mmi pïaci tantu, chi rricordu:
viaggiu c’u me’ vecchiu dïalettu.

(03-05-2009)


Traduzione in italiano

CHI SI CONTENTA GODE
Sappiamo tutti, da che mondo è mondo,
che un ponte non divide ma congiunge;
però, più d’un politico si punge
sollevando un dibattito profondo.

Un’opera non si crea di tondo in tondo,
non nasce all’improvviso come i funghi;
ogni scopo importante si raggiunge
mirando dritto, non col girotondo.

Aspettando che si mettano d’accordo
già non prendo aliscafo nè traghetto.
Dalla Sicilia a Milano vado a bordo

d’un mezzo sicurissimo, perfetto,
che mi piace tanto, che ricordo:
viaggio col mio vecchio dialetto.

Racconto inviato da: MAMUNI