POESIE - CALABRIA
U dialettu crisci
Sonetto di Orazio Raffaele Di Landro dedicato alla "lingua dialettale", che negli anni ha subìto cambiamenti perché i tempi sono cambiati; ma proprio per questo il dialetto, cambiando, cresce e si adatta alla modernità per poter sopravvivere!
Dialetto: Calabria

U dialettu crisci
Certu u dialettu chi mò nui parràmu
non esti u stessu di cent'anni fa;
puru u dialettu infatti, si pensamu,
subisci cangiamenti e novità.

A lingua avanza comu nui avanzamu,
cangia cu' tempu e cangia cu' l'età,
ed i paroli nui i modificamu
cu na moderna sensibilità.

E chistu è naturali! E cui 'on capìsci
in realtà non canusci u dialettu,
pensa ca prima o poi ndavi u finìsci

e non merita cchjù nudu rispettu.
E inveci ancòra ogni dialettu crisci
e diventa cchjù limpidu e cchjù nettu!


Traduzione in italiano

Il dialetto cresce
Certo l dialetto che noi parliamo oggi
non è lo stesso di quello di cento anni fa;
anche il dialetto infatti, se ci pensiamo,
subisce cambiamenti e novità.

La lingua va avanti come andiamo avanti noi,
cambia con il tempo e cambia con l'età,
e noi modifichiamo le parole
con una moderna sensibilità.

E questo è naturale! E chi non capisce
in realtà non conosce il dialetto,
pensa che prima o poi deve finire

e non merita più nessun rispetto.
Ed invece ancora oggi ogni dialetto cresce
e diventa più limpido e più chiaro!

Racconto inviato da: Orazio Raffaele Di Landro