POESIE - CALABRIA
COMU FU?!
Quei poveri ragazzi sono vittime innocenti. I veri colpevoli stanno altrove... (sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

COMU FU?!
Nc'è ccu' spera mi sfunda nt"o spittàculu,
comu cantanti, attrici, bballerina.
Cârcùna nci rrinèssci, s'è ccarina,
s'àvi furtuna o succeri un miràculu.

Eu penzu a ccu' s'arrendi 'o primu ostàculu.
'E casalinghi 'a vita r"a cucina
no' nci pïaci. Mègghiu "l'eroina"...
’dda droga chi ggià llonga nu tentàculu.

'Sta sucità, ch'è ccìnica, bbalorda,
no' nzigna cchiù valuri a' ggiuvintù,
chi pprima s'abbrutissci, po' si llorda,

jttàndusi nt"e bbrazza 'i Bberzebbù.
E qquandu, all'ùrtimu, si spezza 'a corda
si rumàndunu tanti: Comu fu?!

(06-05-2009)




Traduzione in italiano

COME FU?!
C'è chi spera di sfondare nello spettacolo,
come cantante, attrice, ballerina.
Qualcuna ci riesce, s'è carina,
se ha fortuna o accade un miracolo.

Io penso a chi si arrende al primo ostacolo.
Alle casalinghe la vita della cucina
non piace. Meglio "l'eroina"...,
la droga che già allunga un tentacolo.

Questa società, ch'è cinica, balorda,
non insegna più valori alla gioventù,
che prima si abbrutisce, poi si sporca,

buttandosi nelle braccia di Belzebù.
E quando, alla fine, si spezza la corda,
si domandano in tanti: Come fu?!



Racconto inviato da: MAMUNI