POESIE - CALABRIA
"ELLI", "ERRI", "DDI"
Ancora sui dialetti, ma per difenderli non per snobbarli. (sonetto inedito nel calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

"ELLI", "ERRI", "DDI"
Nt"o me' vernàculu è ttradizzïuni
cârchi "elli" nta "erri" o "ddi" cangiari.
Tu rici: «È ccaddu sutt'ô sullïuni»
ma «P'u càddu non pozzu caminari!»

Oggi è mmègghiu parrari di "bbalcuni"
quandu tu r"a to' casa vô 'mmirari
u paisàggiu e scrìviri "bbarcuni"
s'i mari Cristi… su' gghjttàti a mmari.

È ddinàmica 'a lingua, mai stàtica,
â rriartà s'adatta, â vita pràtica;
ma nc'è cu' non capissci 'a matimàtica.

Ora, a 'stu puntu, mi rumandu eu:
«È llingua morta u dïalettu meu
o malalingua chidda r'un babbeu?»

(16-05-2009)





Traduzione in italiano

"ELLE", "ERRE", "DI"
Nel mio vernacolo è tradizione
qualche "elle" in "erre" o "di" mutare.
Tu dici: «È caldo sotto il solleone»
ma: «Per il callo non posso camminare!»

Oggi è meglio parlare di "balcone"
quando da casa tua vuoi ammirare
il paesaggio e scrivere "barcone"
se i poveri Cristi… vengono gettati a mare.

È dinamica la lingua, mai statica,
si adatta alla realtà, alla vita pratica;
ma c'è chi non capisce la matematica.

Ora, a questo punto, io mi domando:
«È lingua morta il dïaletto mio
o malalingua quella d'un babbeo?»



Racconto inviato da: MAMUNI