POESIE - CALABRIA
'U RISSI GIA' PLATUNI
A che servono le lezioni della Storia se nessuno ha interesse a ricordarle? (sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

'U RISSI GIA' PLATUNI
Ndi na famusa pàggina Platuni
parrandu d"a Rriprùbbica si sbraca:
dici ch"a troppa libbirtà mbrïaca
e cchianu chianu non si campa cchiùni.

Privali 'a dura leggi d'u bbastuni
chi nnon s'alterna mai â bbastunaca;
pirfinu u neunatu nt"a so' naca
cumanda, criri d'èssiri patruni.

Seguitandu cusì 'a Nazzïuni
finissci chi ddifenta na cloàca.
U lumi perdi l'omu d"a rraggiuni,

no' nc'è pprugressu, è u mundu na lumaca,
cu' a mmimòria sapi 'a lizzïuni
non si fira mi parra. Sì, s"a caca.

(24-05-2009)




Traduzione in italiano

LO DISSE GIA' PLATONE
In una famosa pagina Platone
parlando della Repubblica si lascia andare:
dice che la troppa libertà ubriaca
e piano piano non si vive più.

Prevale la dura legge del bastone
che non si alterna mai alla carota;
perfino un neonato nella sua culla
comanda, crede d'essere padrone.

Seguitando così la Nazione
finisce per diventare una cloaca.
L'uomo perde il lume della ragione,

non c'è progresso, è il mondo una lumaca,
chi conosce a memoria la lezione
non ha il coraggio di parlare. Sì, se la fa addosso.



Racconto inviato da: MAMUNI