RACCONTI - EMILIA ROMAGNA
Che dè ’d Faragòst
In una caldissima estate del 1946, un bambino si ritrova solo.
Dialetto: Emilia Romagna

Che dè ’d Faragòst
Al fòj di fôigh zàli da la sòida, quèli dé baracòcli, dé moil, di susòin e dal vóidi tôti mòssi e zà mèzi incartuzædi.
U s sta bén snò tla penòmbra ómida dla mi gròta
o a mòl t l’àqua bàsa dla fòssa, té mèzz dal maci ad ombra ch’li bala tra i spicétt dé sàul.
In zôir u n s vòid un cæn, j’é andé tôt a maròina,
sé càmio di fiùl de “Fræ”, a magnæs e’ còmbri s i pi tl’àqua.
Ma cæsa a sém arvænz mè e al zghéli.


Traduzione in italiano

Quel giorno di Ferragosto
Le foglie dei fichi gialle dalla sete, quelle dell’albicocco, del melo, dei susini e delle viti tutte appassite e già mezze accartocciate.
Si sta bene solo nella penombra umida della mia grotta o a mollo nell’acqua bassa della fossa,
nel mezzo delle macchie d’ombra che ballano tra gli specchietti del sole.
In giro non si vede un cane, sono andati tutti al mare col camion dei figli del “Frate”, a mangiarsi il cocomero coi piedi nell’acqua.
A casa siamo rimasti io e le cicale.

Racconto inviato da: Rino Salvi