POESIE - SICILIA
'U SURDU
argomento classico, sordo è chi non vuol sentire
Dialetto: Sicilia

'U SURDU
Sintiti chist’e jitiv’a curcari:
Ccu’e surdi nenti si po’ cuminari.
Surdu nun è chiddu ca nun ci senti
Ca mischinu nun ci po’ fari nenti,

‘U surdu veru è ch’un vo’ capiri -
E fa ‘a finta babba di ‘nsurdiri.
Ci dii ca na cosa ‘un si po’ fari? -
Si vota e fa finta di durmiri.

Ci riuordi ch’ha far’u so duviri?
Manc’a dillu, ci veni di tussìri.
Si quarchi cosa si ci vo’ ‘nsignari
Scoti la testa ca nun po’ capiri

Pruvàti a cangiari discussioni:
“Vidi ca ti dettir’a pinsioni”
“Dici ca t’ana fari cumannari”
“’U stipendiu t’ana d’aumentari”

All’istanti lu sintiti ‘ttintari
Di ll’uocchi lu viditi agitari
Si mint’a mienzu liettu, s’è curcatu.
T’ana mangiar’i cani scunsulatu!



Traduzione in italiano

IL SORDO
Sentite questa e andatevi a coricare
Con i sordi niente si può combinare
Sordo non è chi non ci sente
Che poveraccio non può farci niente

Il sordo vero è chi nuon vuol capire
E la la finta tonta d’insordire
Gli dici che una cosa non può fare?
Si gira e fa finta di dormire

Gli dici che deve fare il suo dovere?
Manco a dirlo, gli viene di tossire
Se qualche cosa gli vuoi insegnare
Scuote la testa perché non può capire

Provate a cambiare discussione
“Vedi che t’hanno dato la pensione”
“Dicono che ti devono far comandare”
“Lo stipendio ti devono aumnetare”

“All’istante lo sentite attentare
negli occhi lo vedete agitare
Si mette a mezzo letto, se è coricato
Ti devono mangiare i cani, sconsolato!


Racconto inviato da: Giuseppe Messina