POESIE - ABRUZZO
A fejeme.
la paternità con la nascita di una figlio, gli anni, il futuro... e poi?
Dialetto: Abruzzo

A fejeme.
Tanta cose so fatte a sstà vite,
tanta vote so sbajate e po’ me so ppintite,
ma na cosa bbone so fatte veramente,
... so vulute bbene a mmammete, ...ppe ddavere,
e se venute tu: l’opera cumblete.

Quande se nate, lu diciannove d’aoste,
ere quase le undece,
le diece e cinquantotto, pe la precisione,
la jurnate era assolate,
faceve lu calle, ma nn’ era afose.

Mammete suffreve le pene de lu ’nferne,
la faccie era terate, che nen s’za recunisceve,
je le sacce bbone … ca ere presente,
ma quande tu si nate, pure mammete s’a trasfurmate,
lu pinziere ha subbete sc’stat: “coma è? È sane? È cumblete?
Le tè li déte, …e li mane, … e li péte?

Scijne, statte cujiete; te tutte quande. E ppe de cchiù tà rrissummeje.

Mo si criscjiute, si fatte l’anne, ma è ancore come se fosse a jiere.
...FFamme nu surrise, na resate,
lasse le probbleme ca ssa risolve... e ppò... Ddije pruvvede,
ma tu, famme mbarà a fa lu padre,
damme na mane, ca nen ce stà la scola.
Famme na grazije,
nnen me lassà da sole.



Traduzione in italiano

A mio figlio.
Tante cose ho fatto in questa vita,
tante volte ho sbagliato e poi mi son pentito,
ma una cosa buona l’ho fatto veramente,
...ho voluto bene a tua madre...per davvero,
e sei arrivato tu: l’opera completa.

Quando sei nato, il diciannove d’agosto,
erano quasi le undici,
le dieci e cinquantotto, per la precisione,
la giornata era assolata,
faceva caldo, ma non era afosa.

Tua madre soffriva le pene dell’inferno,
la faccia tirata, che non si riconosceva,
lo so bene...ero presente,
ma quando tu sei nato, pure tua madre s’è trasformata,
il pensiero è subito stato: “Com’è? È sano? È completo?
Ce li ha le dita, ...e le mani, ...ed i piedi?”

Si, stai calma; ha tutto quanto. Ed per di più ti somiglia.

Ora sei cresciuto, compi gli anni, ma è come se fosse ieri.
...Fammi un sorriso, una risata,
lascia da parte i problemi che si risolveranno... e poi...Dio provvede,
ma tu, insegnami ad essere padre,
dammi una mano, che non ci sono scuole.
Fammi una grazia,
non lasciarmi da solo.


Racconto inviato da: Giovanni Ricci (19.08.06)