POESIE - ABRUZZO
Marcinelle (16.09.07)
Dedicato a tutti gli emigranti, alle vittime del lavoro ed ai minatori di Manoppello che hanno perso la vita nelle miniere di Marcinelle.
Dialetto: Abruzzo

Marcinelle (16.09.07)
Jamme bbelle, jamme mo,
jamme fratelle, jamme tutte a Marcinelle,
jammecene a lu BBelge
accuscjè fenème a ppatèe la fame…

la fame nere, la fame bbrutte…
jamme su, jamme n’gondre a lu distine,
ce va Pasquale, GGiuvanne e ppure GGiustìne.

Lu lavòre avéme truvate…
na minièra, pare, a ccaccià lu carevone,
nen n’ze divente rricche, ma è ssembre bbone.

Ci s’à remette la salute
pe la pròvela nere n’gne la pece
ci s’à remètte la vidùte
ma alméne si magne lu pane che ssi ssude.

…Quanda sacrificje aveme fatte
quanda speranze dentra a lu core,
aveme lassate lu mare e le muntagne
ppè la speranze de nu guadagne.

…PPò… de colpe la ggente strille,
jesce lu fume, gne le faville …
jè provela nere n’gne la pece
che tta cchiude l’occhie e lu rispire…

“jamme hommene, jamme, accurrete,
ce sctà la ggente sotte a lu tunnelle…
cale a bballe. Valle a jutà”.
“Ma… ca succèsse, che je sstè pazzetà”

esce cacchedùne…
tene la facce di carevune,
ttante lu sangue e attorne la morte,
le femmene aspette chi nen’ha risorte
chi ha lassate 'sta vita bbelle
e nen rètorne cchiù da Marcinelle.



Traduzione in italiano

Marcinelle
Andiamo belli, andiamo ora,
andiamo fratelli, andiamo tutti a Marcinelle,
andiamo al Belgio
così finiremo di patir la fame…

la fame nera, la fame brutta…
andiamo orsù, andiamo incontro al destino,
ci va Pasquale, Giovanni ed anche Giustino.

Il lavoro abbiamo trovato…
una miniera, pare, a cavar carbone,
non si diventa ricchi, ma è sempre buono.

Ci si rimette la salute
per la polvere nera come la pece
ci si rimette la vista
ma almeno mangiamo il pane sudato.

…Quanti sacrifici abbiamo fatto
quanta speranza dentro il cuore,
abbiamo lasciato il mare e le montagne
per la speranza di un guadagno.

…Poi…di colpo la gente strilla,
esce fumo come faville…
è polvere nera come la pece
che ti chiude gli occhi ed il respiro…

“andiamo uomini, andiamo, accorrete
c’è ancora gente sotto nel tunnel…
scendi giù. Vai ad aiutarli”.
“Ma…cosa è successo, cos’è questa pazzia”

esce qualcuno…
tiene la faccia di carbone,
tanto il sangue ed attorno la morte,
le donne aspettano coloro che non risorgono
chi ha lasciato questa vita bella
e non fa più ritorno da Marcinelle.


Racconto inviato da: Giovanni Ricci