POESIE - ABRUZZO
L’amicizzje (17/11/2007)
L'amico è come un tesoro.....
Dialetto: Abruzzo

L’amicizzje (17/11/2007)
L’amicézzije è gnè nu fjiore,
cchjiù la nnecque e cchiù pije vvigore.

L’amicezzije nen vale tutte l’ore,
ma l’amiche jè già nu tesore.

Certe vote chisà che jeme cerchenne,
vide na cose che ppare lucenne
siente na storije che mette ombre a lu core
po’ sente na sstrette e tte sembre n’amore.

Ti sjente da sole ppe la vija tranqujelle
vide na facce che spjere bbonacce
ti mjette paure e je gjuerde l’occhjie
ci vijede cacchjedune che ti porte furtune.

Baste nu sguarde pè le capijè
ca poche te chjiede e campe sole pe ttè
t’allunghe lu vracce, te apre la mane
sjente soltante che je nu bbone cristijane.

Je queste l’amiche,
che nijente te chiede,
te da soltante,
e te djessete.

T’abbracce solamente,
e a lu bbisogne,
a qualunque ore,
jesce fore l’amiche tesore.



Traduzione in italiano

L’amicizia
L’amicizia e come un fiore,
più l’annaffi e più prende vigore.

L’amicizia non vale tutto l’oro,
ma l’amico è già un tesoro.

A volte chissà cosa cerchiamo,
vedi qualcosa che pare lucente
senti una storia che mette ombra nel cuore
poi senti una stretta e ti pare un’amore.

Ti senti solo per una via tranquilla
vedi una faccia che speri bonaccia
ti metti paura e lo guardi negli occhi
ci vedi qualcuno che ti porta fortuna

Basta uno sguardo per capire
che poco ti chiede e vive solo per te
ti tende un braccio, apre la mano
senti soltanto che è un buon cristiano.

È questo l’amico,
che nulla ti chiede,
ti da soltanto,
e ti disseta.

T’abbraccia solamente
ed al bisogno,
a qualunque ora,
esce fuori l’amico tesoro.


Racconto inviato da: Giovanni Ricci