POESIE - SICILIA
'U PICCATU DA' FANTASIA
Dio crò la fantasia libera, ma, per l'uso distorto degli uomini, ne sanzinò gli eccessi, con il risultato di far venir agli uomini l'ipocondria, non riuscendo a stabilire il limite del lecito.
Dialetto: Sicilia

'U PICCATU DA' FANTASIA
C’è cosa ch’on po’ essiri piccatu
Ca nun si sapi cuomu n’ha ‘rrivatu,
e nun rispunni manc’a la cuscenza,
ppi chissu nun cumporta pinitenza?

C’è, c’è, e ci la detti lu Signuri
Pirchì li so chiù beddi criaturi
Putissimu senza dannu criari
Praticannila ma senza piccari.

“Vi vuogghiu dar’u ma stessu putiri
Ma no ppi fari, sulu ppi pinsari,
di ‘mmintari cosa quali ca sia,
Teccà, vi dugn’a Fantasia”

Nun l’assu fattu, chi success’o munnu,
ca gratis violavi lu so cumannu,
sulu cc’a testa, sì, ma chi piaciri,
pinsari d’aviri ‘stu gran putiri!

‘U Signuri ‘stu manicomiu vitti
Ci ‘rrivar’i fantasii chiù brutti,
e ppi l’eterna so Onniputenza
pinsà …ca ci vuliv’a pinitenza.

Ma lu principiu c’era di sarvari,
Ca l’omu putiva fantasticari
Senza paiar’u pignu do piccatu:
s’on si scacciava, ch’ava cumunzatu,

‘na fantasia ch’era contr’a Cristu,
e si ci si mintiva macar’u riestu,
nun era cosa chiù pulit’e giusta
ma fatta ppi mali, a bella posta.

La fantasia era sempri bella
Ma subiva lu votu d’a pacella,
supra lu siei sidd’era sincera,
sutta su ci ‘llargavit’a sfera.

E ccussì ancora la fantasia
Cuvern’a testa, ma c’a pucundria
Ca tu nun sai si c’è giusta via
O ccu lu diavulu c’è armonia!



Traduzione in italiano

IL PECCATO DELLA FANTASIA
C’è cosa che non può esser peccato
Senza saper da dov’è arrivato,
Che non risponda manc’alla coscienza
Per questo non comporta penitenza?

C’è , c’è e ce l’ha data il Signore
Perché le sue più belle creature
Potessimo senza danno creare
Praticandola, ma senza peccare.

“Vi voglio dar il mio stesso potere
Ma non di fare, solo di pensare
D’inventare cosa quale che sia
Eccovela, vi dò la fantasia!”

Mai l’avesse fatto, che success’al mondo,
Che gratis violav’il suo comando,
solo in testa, sì, ma che piacere,
pensar d’avere così gran potere!

Il Signore ‘stu manicomio vide
Gli arrivar le fantasie più laide,
e per l’eterna su’Onnipotenza
pensò che ci voleva penitenza.

Ma il principio c’era da serbare
Che l’uomo poteva fantasticare
Senza pagar pegno per il peccato:
se non si scacciava, pur iniziato,

‘Na fantasia ch’era contro Cristo
E ci si metteva pure il resto,
non era cosa più pulit’e giusta
ma fatta per male, a bella posta.

La fantasia era sempre bella
Ma subiv’il voto della pagella,
sopra il sei se era sincera,
sotto se le s’allargava la sfera.

E così ancora la fantasia,
govern’a testa, con ipocondria,
ché tu non sai s’è giusta la via
o se col diavolo c’è armonia.


Racconto inviato da: Giuseppe Messina