POESIE - MOLISE
La Negghia

Dialetto: Molise

La Negghia
E già te vede,saglienne lenda ammonde.
E chiane chiane te ficche pe ogni buche.
E te arrengime, e sctrusce, e t’accarizze
Vraccia d’abbite, jerve e fundanelle.
Può t’abberrite attorne a chi camina;
come pe re annasconne a qualche uaje
e arrepararr dalla mala sorte.

Me te sunnite a Ottobre, ire ascì bella !
E me chiamiscte Amore ; e m’abbracciscte.
Ascì può te perdiscte pe re bosche,
e chiù ne te truvive manghe ‘n suonne.



Traduzione in italiano

La Nebbia
E già ti vedo salire lentamente.
e piano piano ti insinui in ogni
anfratto.
E ti arrampichi,e strofini,e
accarezzi
braccia di abeti, erbe e fontane.
Poi ti avviti intorno al passante:
come a nasconderlo da qualche guaio
riparandolo dalla sorte avversa.

Io ti sognai in Ottobre, ed eri
bella!
Poi mi chiamasti Amore; e
mi abbracciasti.
Così tu ti perdesti lungo il bosco
e più non ti trovai neanche in sogno.

Racconto inviato da: gustavo tempesta