POESIE - LIGURIA
Chêu spersu

Dialetto: Liguria

Chêu spersu
Sciamettu d’oxelli
neigri, che u passa,
u branca i tuccchi
da veggia campöna,
se i porta cun lë.

E tutta morta
a resta l’oja,
e l’erbui nùi
i trema adoxiu
e-a nêutte i spâeta.

L’üa l’è qûeta,
tantu che-u chêu
se trêuva spersu
e-u çerca in segnu,
appena ìn-a ciuma,
inturnu de vitta.



Traduzione in italiano

Cuore confuso
Uno stormo (=sciamettu) d’uccelli
neri, che passa,
abbranca (=branca) i rintocchi (=tucchi).
della vecchia (=veggia) campana,
se li porta con se.

E tutta silenziosa
resta l’aria (=oja),
e gli alberi nudi
dolcemente (=adoxiu) tremano
ed aspettano (=spâeta) la notte.

L’ora (=üa) è tranquilla (=queta)
tanto che il cuore
si trova confuso (spersu)
e cerca un segno,
appena una piuma, (=ciuma)
di vita (a lui) d’intorno


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua