POESIE - CALABRIA
L'Istitutu Comprensivu
Sonetto del poeta Orazio Raffaele Di Landro, pubblicato sulla rivista Calabria Letteraria nel n. 1-2-3 di Gennaio-Febbraio-Marzo 2009. L’autore ironizza sull’Istituto Comprensivo di scuola materna, elementare e media, perché lo ritiene una mescolanza impropria di cose assai diverse tra loro.
Dialetto: Calabria

L'Istitutu Comprensivu
U chjàmanu istitutu cumprensivu,
ma a mìa mi pari nu ‘mbrusciunamentu;
non si distingui tra partenza e arrìvu,
si cunfundi suffìtta e pavimentu.

Non esti cumprensivu, anzi esti privu
sia di ragiuni ca di sentimentu;
veni du mortu e dici ch’esti vivu
e perciò sbagghja ogni provvedimentu.

Esti l’ùrtimu scattu î na tagghjòla
usata pe na forma di pacca
chi pretendi ca puru u ciucciu vola

e voli u mi convinci puru a mìa.
E adaccussì veni distrutta a scuola;
non si sapi pe quali strategìa.



Traduzione in italiano

L'Istituto Comprensivo
Lo chiamano istituto comprensivo
ma a me sembra un’impropria mescolanza;
non si distingue tra partenza e arrivo,
si confonde la soffitta con il pavimento .

Non è comprensivo, anzi è privo
sia di ragione che di sentimento;
nega la realtà scambiando un morto per un vivo
e perciò sbaglia ogni provvedimento.

È l’ultima trovata di un disegno ingannevole
che nasce da una forma di follia
che pretende di sostenere che anche gli asini volano

e vorrebbe convincere anche me.
Ed in questo modo viene distrutta la scuola,
ma non si sa per quale strategia.


Racconto inviato da: Orazio Raffaele Di Landro