POESIE - ABRUZZO
Quande ariturne a la case
Il ritorno a casa per chi è costretto a risiedere fuori per lavoro, studio, ecc.
Dialetto: Abruzzo

Quande ariturne a la case
Già da na settemana prima
che ariturne a la case,
sente nu bruciore a lu core,
sente l’arie che se fa cchiù ffine.
Sole lu penzjere de la tavela m’bandite,
de nu siggione tutte pe ttè,
te sente natre – Giuvà –
sé diverse, nen sé cchiù tu.
Tutte è cchiù bbelle;
quande manche da la case,
l’amicizje se rinforze,
lu core te è cchiù bbone;
queste è na specialità dell’abbruzzese,
dell’Abbruzze belle e fine
che ogni matine sente a cantà.
- A Giuvà - quante ta évize la matine e vi a zzappà:
jè la terra tè che vé a cultivà.
Quell’aria fine de la matine,
e quell’ombra sotte a li pine
ti ci sjente aricrijà.
Oh Giuvà,
qua la ggente è tutte furasteche,
nen te danne lu salute,
passe e manche je ta rivute.
A Giuvà!
È inutele a dice,
quande ariturne a la casa,
sente l’arije che se fa cchiù ffine
già da na settemana prime.



Traduzione in italiano

Quando ritorni a casa
Già da una settimana prima
che torni a casa,
senti un bruciore al cuore,
senti l’aria che si fa più fine.
Solamente il pensiero della tavola imbandita,
di una poltrona tutta per te,
ti senti un altro – Giovanni –
sei diverso, non sei più in te.
Tutto è più bello;
quando manchi da casa,
l’amicizia si rafforza,
il tuo cuore è più buono;
questo è una specialità degli abruzzesi,
dell’Abruzzo bello e fine
che ogni mattina senti cantare.
- Giovanni – quando ti alzi la mattina e vai a zappare:
è la tua terra che vai a coltivare.
Quell’aria fine della mattina,
e quell’ombra sotto i pini
ti senti rinascere.
Oh Giovanni,
qui le persone sono tutte sulle sue,
non ti salutano,
passano e neanche si girano.
Giovanni!
È inutile dirlo,
quando ritorni a casa,
senti l’aria che si fa più fine
già dalla settimana prima.


Racconto inviato da: Giovanni Ricci