POESIE - ABRUZZO
A mojeme
Dedicato a colei che tante volte mi ha sopportato e che amo più della mia vita.
Dialetto: Abruzzo

A mojeme
Diceve zjè Razijucce
che avè lette Mudeste de la Porte di Guardjiagrele:
“le moje sonne come lje cjetrune, ponne scì bbianche
o ponne essere bbune”.

Je so state ffurtunate a chjenosce a tté,
e ognje jorne che passe, st’amore si fa cchiù fforte.

Sjeppure la vite se fa cchiù corte,
s’arriccichjesce la pelle pe la vicchiaje,
se sbijanche la barbe e ppoche capjille
ma quande te vede me sjente nu rjelle.

L’addore che ttijene attorne a la pelle
m’andrate a lu nase, fa parte de me
quanda vote benedjece le passe che ffjè
tutte le cose che se fatte ppe mme.

Te voje bbene, ma bbene a ddavere
come lu prjime jiorne che aveme fatte l’amore
t’abbraccje a le cosse, e tte bbascje le pijete,
ti ame ddavere come je state a jjere.

A Mudeste e a zjè Razijucce oggje jie dice:
“sso state furtunate… lu cetrone,
a mme jè scjite bbone”.



Traduzione in italiano

A mia moglie
Diceva zio Orazio
Che aveva letto Modesto della Porta di Guardiagrele:
“le mogli son come i cocomeri, possono uscire bianchi o possono essere buoni”.

Io sono stato fortunato a conoscerti,
e ogni giorno che passa, quest’amore si fa più forte.

Seppure la vita si fa più corta,
s’avvizzisce la pelle per la vecchiaia,
si sbianca la barba ed i pochi capelli
ma quando ti vedo mi sento un grillo.

L’odore che tieni intorno alla pelle
Mi entra nel naso, e fa parte di me
Quante volte benedico il passo che fai
tutte le cose che hai fatto per me.

Ti voglio bene, ma bene davvero
Come il primo giorno che abbiamo fatto l’amore
t’abbraccio le gambe, e ti bacio i piedi,
ti amo davvero, come è stato ieri.

A Modesto ed a zio Orazio oggi gli dico:
“Sono stato fortunato… il cocomero,
a me è uscito buono”.


Racconto inviato da: Giovanni Ricci