POESIE - LIGURIA
Cianze

Dialetto: Liguria

Cianze
Du rianettu in mezzu a-e prïe,
in te l’âegua de cristallu,
gh’è de raeine u rangugnò.

Foscia fêua in pò u baixina:
çertu a nêutte a l’è d’inciostru:
ma u barcun a n’êuggiu arvì...

A sentì staggu e raeinètte
che zù i canta i sò lamenti,
e-u me pioxe de suffrì.

U me pioxe punze drentu
cun l’aguggia di rigordi
e infin cianze, da figgiêu!




Traduzione in italiano

PIANGERE
In mezzo alle pietre del torrente,
nell’acqua di cristallo,
c’è il gracidare (=rangugnò) delle rane (=raeinètte).

Forse fuori un poco pioviggina (=baixina):
certo la notte è color d’inchiostro:
ma il balcone io non voglio (=vêuggiu) aprire (=arvì)...

A sentire stò le rane
che giù cantano i loro lamenti,
e mi piace soffrire.


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua