POESIE - LIGURIA
I rigordi

Dialetto: Liguria

I rigordi
Sciù da-u fundu du mâe chêu
de rigordi quanti a n’issu!
E-i sun lü bun recanissu,
duçe bucca in po’i me fan...

Ma sun miga tutti alegri:
ciù d’un l’è fin neigru e triste:
ma i rigordi sempre piste
sun che-i mëna a-u passon...

Oh! passon che-in po’ luntan
ti te fâe ciù ogni mattin.
Se da- u çhêu, che n’è strappin,
sciù i rigordi i nu muntasse

a bagnò questu presente
e- i tre stecchi in tu mâe ortu,
oh! passon ti fuisci mortu,
e cun tì foscia’nche mì.




Traduzione in italiano


Su dal profondo del mio cuore
di ricordi quanti ne alzo (=issu)!
essi sono una buona regolizia (=recanisso, regolizia da radice della pianta di regolizia)
che mi addolciscono la bocca...

Ma non sono tutti allegri:
più di uno è perfino nero e triste:
ma i ricordi sono sempre piste
che riportano (=mena) al passato...

Oh! passato che un po più lontano
ti fai ogni mattino.
Se dal cuore, che ne è strapieno,
più ricordi non risalissero

a bagnare questo presente
ed i tre stecchi nel mio orto,
oh! passato tu fossi morto,
e con te persino (=foscianche) io.


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua