POESIE - SICILIA
I PALUMMA
E' cambiato il rapporto tra noi umani e i colombi: prima li cacciavamo, ora, mentre loro ci avvicinano, ne siamo infastiditi perché...
Dialetto: Sicilia

I PALUMMA
Quanti palumma de’ barcuna nuostri
Ni ‘lligninu macari li finestri
E de’ pirsun’unn’hanu nuddu scantu
Cuomu pp’iddi fuss’un veru vantu.

De’ tetta da Matrici di carusu
Li vidiva de’ nida, d’on purtusu,
Ma si c’era ‘na fil’e battaria
Vulavinu, si scantavin’i mia.

Era bellu ch’e vidiva vulari
Iavuti, chonn’i putiva tuccari
Nessunu, mancu ccu ‘na longa canna
Ca iddi canuscivin’a so banna.

Ora su’ disprizzati cà su tanti
E, davanti all’uomini prisenti,
Cuvunu l’ova ppi li puddicini,
Cuomu si fussiru nuostri cuscini.

Capieru ca niatri unn’i cacciammu chiù
Ca puonu stari anchi si ci si’ tu,
Siemmu niatri ca siemmu ‘nfastiduti
...Ch’onn’hanu gabinettu pp’e detriti.



Traduzione in italiano

I COLOMBI
Quanti colombi sui balconi nostri
Ci sporcano magari le finestre
E de’ persuni non han nuddu scantu
Come n’avesser, invece, vero vanto.

Sui tetti della Matrice di carusu
Li vedevo nei nidi, d’on purtusu,
Ma se c’era un po’ di battaria
Volavano, avevan paura di mia.

Era bello che li vedea volare
Alti, da non poterli toccare
Nessuno, manco con una lunga canna
Che loro conoscevan ‘a so banna.

Ora son disprezzati chè son tanti
E davanti all’uomo sempre presenti,
Covan le uova per i bei pulcini
Come se fossero nostri cugini.

Capiron che noi non li cacciamo più
Che possono star, anche se ci sei tu,
Siamo noi che siamo infastiditi
...Che non abbian gabinetti pei detriti


Racconto inviato da: Giuseppe Messina